La start-up BackBo – Bologna Press


Pietro Ceciarini e Marta Carboni nel loro laboratorio della Scuderia

Pietro Ceciarini e Marta Carboni nel loro laboratorio della Scuderia

Una rivoluzione silenziosa

Non tutte le rivoluzioni sono rumorose e in faccia. Alcuni sono piccoli, silenziosi che contengono i germi economici del futuro. Spesso sono il frutto di idee alimentate dal coraggio dei giovani che non smettono mai di cambiare il mondo. BackBo è uno di questi. È un progetto sperimentale che Pietro e Marta stanno realizzando nel cuore dell'Università di Bologna. L'idea è quella di raccogliere i rifiuti di plastica nell'area di Piazza Verdi e convertirli in oggetti nuovi e funzionali. In questo modo i due ingegneri vogliono prestare attenzione alla pratica del consumo: gli articoli monouso in plastica da convertire in nuovi prodotti, grazie alla comunità che ruota intorno all'Università e alcune macchine semplici come le inevitabili stampanti 3D, possono diventare un'opportunità di socializzazione e l'apprendimento, oltre a liberare l'immaginazione. Pensa all'economia circolare su una scala molto più piccola ma non meno efficace.

Logo BackBo

Logo BackBo

Officina La Scuderia

Verso la parte posteriore di La Scuderia ci sono varie gabbie – una struttura simile ad uno zoo – che contengono alcune start-up o che a loro piace chiamarla "pensatoio 3.0" (Think Tank). BackBo funziona da uno di questi. Il primo esempio concreto su cui stanno lavorando Pietro e Marta sono i tappi di bottiglia, che attraverso un processo di trasformazione possono diventare cestini di pane. I due giovani eco-preneur vogliono progettare e creare successivamente oggetti utili con coloro che li scartano e quelli che visitano La Scuderia. Ogni tanto lanciano specifiche azioni di invito all'azione attraverso i social network. È questo ciclo di consumo: progettazione, produzione e riutilizzo, dove vogliono diffondere una nuova consapevolezza che i prodotti non devono morire ma possono rivivere.

Il processo di riciclaggio

Il processo di riciclaggio

Un'idea vincente di Deutschland

Tutto è iniziato quando Pietro e Marta hanno dato alla luce la loro idea mentre erano su Erasmus in Germania. Una volta tornati a Bologna, hanno presentato BackBo alla GreenHouse di EIT Climate-KIC, accedendo al percorso di incubazione che ha garantito i finanziamenti necessari per l'acquisto di stampanti 3D. Grazie all'assistenza di esperti e tutor, sono stati in grado di creare un piano aziendale vincente che ha attirato l'attenzione della sua giuria. "La Germania è molto più avanti della maggior parte dei paesi dell'UE, quindi non sorprende che ci siamo ispirati da lì", afferma Pietro. Anche Marta, conferma questa ipotesi, "il loro approccio al riciclaggio è molto diverso da quello italiano. I tedeschi la vedono come una grande opportunità piuttosto che una debolezza economica. "

Un laboratorio di impegno sociale

Che la Germania sia davanti a noi nella gestione dei rifiuti non è una scoperta, ma ciò che ha illuminato Pietro è l'estrema facilità con cui il "vecchio" sistema di aspirazione viene meticolosamente adottato e riesce a ridurre significativamente i costi sociali di smaltimento. E come tutti i supermercati sono attrezzati per aiutare i consumatori a differenziare e incoraggiare la fornitura di molti tipi di rifiuti. Quindi, naturalmente, hanno pensato: "Perché non replicare questo modello in un sistema chiuso come l'Università di Bologna, coinvolgendo un obiettivo specifico come gli studenti?" Marta suona aggiungendo, “Inoltre, gli studenti sono spesso i primi ad adattarsi immediatamente ai cambiamenti se sembra utile. Nel nostro caso, stiamo anche evidenziando l'impatto ambientale positivo della nostra idea. "

In questo spirito, BackBo vuole diventare un laboratorio di "impegno sociale" e lavorare verso un'economia circolare a zero rifiuti, che inizia in un punto molto specifico, un centro nevralgico (Piazza Verdi), che è spesso sotto i riflettori per essere sporco , trascurato e per la sua robustezza notturna. Forse, da questo punto, possono raggiungere gli angoli più remoti della città. Pietro e Marta si rendono conto che il cambiamento non è facile, ma ancora una volta, la ragione per cui sono all'università è imparare, per lo meno stanno prendendo una vera lezione di guerra economica a livello di strada, oltre a cercare di aiutare l'ambiente .

Tag: BackBo, Marta Carboni, Pietro Ceciarini, startup di riciclaggio, Scuderia

Questa voce è stata pubblicata

martedì 23 aprile 2019 alle 7:36
Sia i commenti che i ping sono attualmente chiusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.