Fusione PSA – Fiat : “il vero problema, è il futuro della produzione automobilistica sul territorio francese “


Il cocorico delle autorità francesi per quanto riguarda la creazione di un numero di 4 in tutto il mondo nel settore automobilistico è giustificata, si chiede un commento per il “Mondo” l’economista Pierre-Andre Buigues.

Pubblicato ieri alle 17: 05 Tempo Lettura di 3 min.

Articolo riservato agli abbonati

“Nel 2020 il volume di produzione automobilistica in Francia diminuirà di quasi il 22% rispetto al 2019 : quasi 500 000 veicoli non saranno realizzate sul territorio francese” PAD / Photononstop

Tribune. Dopo l’annuncio della fusione di PSA e Fiat, i commenti della stampa sono stati unanimemente positivi. Prima di tutto, la fusione è una joint venture 50/50 darà alla luce il numero 4 del mondo nel settore automotive e permetterà il nuovo gruppo a raggiungere la dimensione critica. Il nuovo gruppo dovrebbe registrare quindi sinergie di costo stimato in 3,7 miliardi di euro. Quindi, le piante dei due gruppi sarebbero complementari, e permetterà di PSA per essere presente negli Stati Uniti.

Leggi anche PSA e Fiat Chrysler ha annunciato ufficialmente il loro progetto di fusione

Infine, di fronte alla rivoluzione dell’auto elettrica, il nuovo gruppo sarà meglio in grado di far fronte con i notevoli investimenti necessari. Così, le decisioni più importanti sono già definite : I rispettivi azionisti terrà ogni uno la metà del capitale. FCA (Fiat Chrysler Automobiles) distribuire ai propri azionisti un dividendo di € 5,5 miliardi, e le sue azioni Comau (che riunisce i produttori di macchine utensili nel settore automotive) e PSA distribuirà le sue azioni di fornitore automobilistico Faurecia presso i propri azionisti, per un importo totale stimato a 2,75 miliardi.

Per il governo francese, che si adopera per la creazione di campioni francesi o europee, questa fusione è una grande e nuova. Si può, comunque, di non condividere questo entusiasmo. Il vantaggio di questa fusione si basa sul presupposto che più una società ha una dimensione di grandi dimensioni, migliori saranno le sue prestazioni. Come molte economico opere in mostra, questo non è necessariamente il caso.

Duplicati sul mercato

Inoltre, le due società si fondono e sono duplicati sul mercato europeo e questo comporterà a lungo termine, ristrutturazioni e chiusure di impianti. Infine, l’operazione consentirà di Faurecia, che è uno dei maggiori fornitori di apparecchiature per le auto francesi, molto più vulnerabili ad una offerta pubblica di acquisto ostile o di una transazione finanziaria.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Matrimonio PSA-Fiat Chrysler : Parigi e Roma visualizzata una benevola neutralità

Ma al di là di queste domande circa la fusione, il vero problema in Francia, è il futuro della produzione automobilistica sul territorio francese. Per i lavoratori francese e la salute economica del nostro paese, si tratta di un argomento molto più importante è che la nascita di numero 4 del mondo dell’automobile.

Nel 2017, il fatturato del settore pari a 399 miliardi di euro in Germania, rispetto a solo 98 miliardi di euro in Francia e la crisi del 2008 ha colpito anche più gravemente il settore automotive in Francia che in Germania, con un 53% di aumento del fatturato nell’industria automobilistica tedesca tra il 2008 e il 2017, rispetto a solo il 17 % in Francia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *